Inaugurazione sede alpini di Mornico

Inaugurazione sede alpini di Mornico

Sabato 7 e domenica 8 giugno sono stati  due giorni intensi di festa a Mornico al Serio, in occasione dell’inaugurazione della nuova sede del gruppo alpini. L’evento ha attratto un grande seguito di popolazione in entrambi i giorni: sabato sera in occasione dell’esibizione del coro alpini di Martinengo l’auditorium dell’oratorio parrocchiale era gremito. Domenica si è svolta la cerimonia di inaugurazione della sede con taglio del nastro da parte della madrina, la signora Maddalena Gozzini e a seguire si è tenuta una sfilata fino al monumento dei caduti con la cerimonia di commemorazione e deposito della corona. La mattinata si è conclusa con la messa e la benedizione del gagliardetto. Durante la cerimonia sono intervenuti il nuovo sindaco Eugenio Cerea e il consigliere dell’associazione provinciale Alessio Granelli e gli alpini Pietro Vavassori e Dario Frigeni. Il gruppo alpini di Mornico ha infine consegnato una targa di ringraziamento al parroco don Pinuccio Leidi e alla madrina Gozzini.

Grazie al sostegno della parrocchia, che ha messo a disposizione i locali adiacenti alla chiesetta di Santa Valeria, gli alpini mornicesi avranno infatti una nuova sede, dove potranno incontrarsi per programmare e svolgere le loro attività. Il gruppo alpini di Mornico si è formato ufficialmente dal 27 Gennaio 2014 e attualmente conta 33 soci alpini ed è contraddistinto dal n° 278 nell’ambito dell’undicesima zona della sezione di Bergamo.

“Oltre a ringraziare tutte le autorità, ringrazio di cuore tutto il gruppo degli alpini che mi hanno sostenuto in questa scelta. In particolare vorrei citare il vicecapogruppo Ivan Albini per aver condiviso fin dall’inizio l’idea di formare questa sezione –dichiara il capogruppo Antonio Spreafico-. Dopo il nostro debutto con il Natale in piazza nel dicembre 2013, provvederemo ora ad attivare iniziative nello spirito della tradizione alpina, nel segno del volontariato e della solidarietà. Infine un caloroso ringraziamento a tutti i gruppi alpini della zona presenti alla festa, per la partecipazione e il sostegno dimostrato”.